Cistiti ricorrenti: cosa sono e come si curano

cos'è la cistite ricorrente

La cistite è un’infezione delle vie urinarie sintomatica e si definisce “ricorrente” quando ha carattere di periodicità, ossia quando si manifestano almeno 3 episodi nell’arco di un anno.

Tali eventi possono ripresentarsi sotto forma di reinfezioni o come recidive, le prime si manifestano solitamente settimane o mesi dopo la terapia, mentre le seconde poco dopo la sospensione della terapia (entro alcuni giorni).

Come curare la Cistite

A differenza di una cistite non ricorrente, l’uso di antibioticispesso rappresenta solo un sollievo temporaneo.
Il trattamento di questa condizione patologica è ugualmente semplice.

In sedazione, senza effettuare anestesia generale, si esegue una elettrofolgorazione delle aree papillari individuate previa biopsia al fine di ottenere la diagnosi istologica di certezza. Questa procedura dura solo pochi minuti, non è dolorosa e viene effettuata in regime ambulatoriale.

L’area trattata verrà sostituita, con la guarigione, da tessuto cicatriziale che, come il normale epitelio vescicale, non consente la proliferazione dei batteri.