Frenulo corto

FRENULO CORTO

Sulla faccia inferiore del glande, lungo la linea mediana, è presente un solco che dà attacco ad una plica cutanea, il frenulo prepuziale, detto volgarmente filetto, che unisce il glande alla corrispondente zona del prepuzio limitando la retrazione di quest’ultimo durante l’erezione.

Nel giovane, durante i primi rapporti sessuali, il frenulo è soggetto ad una distensione che può, qualora questo fosse troppo corto, esitare nella lesione dello stesso, evento non patologico ed innocuo per il paziente.

Il frenulo corto rappresenta una limitazione al corretto scorrimento del prepuzio, con conseguente inginocchiamento del glande durante la penetrazione e la formazione di attriti anomali. Tale condizione costituisce una fonte di ansie anche per l’uomo adulto, per la frequente implicazione nei meccanismi che possono favorire l’eiaculazione precoce di origine organica, legata ad una iperstimolazione di questa zona riccamente innervata ed in continua tensione-distensione durante l’atto sessuale.

In questo caso la soluzione, peraltro estremamente semplice, è di pertinenza chirurgica e consiste nell’allungare il frenulo, mediante un procedimento in anestesia locale chiamato frenuloplastica.

Tale piccolo intervento chirurgico viene condotto in regime ambulatoriale.

Mezz’ora prima dell’intervento si applica una crema anestetica sul glande e sul prepuzio del paziente. Dopo circa 30 minuti la regione indicata sarà completamente anestetizzata e si potrà condurre la plastica di allungamento del frenulo senza alcun dolore.

Le suture vengono effettuate con sottile filo riassorbibile, garantendo una cicatrice quanto più estetica possibile.

Nessun dolore sarà apprezzato dal paziente nel post operatorio.

L’attività sessuale potrà essere ripresa dopo circa una settimana.

L'intervento di frenuloplastica

Hai bisogno di saperne di più?